Un po’ grande, e un po’ piccolo

Un po' grande, e un po' piccolo

Ed eccoti lì, a metà. Non sei di qua, ma non sei nemmeno di là. O forse, sei un po’ di qua, e un po’ di là. In equilibrio. Un po’ precario, a volte. Molte volte, a dire la verità. Cone se ti tirassero da una parte, e subito dopo anche dall’altra. E tu sei lì, che cerchi di stare in equilibrio, ma qualche volta lo perdi, quell’equilibrio.

Continua a leggere

#lodicelamamma: e poi, inizia la scuola

#lodicelamamma: e poi, inizia la scuola

Non è che ci credevi molto, quando te lo dicevano. No, non ci credevi perché pensavi che per te non sarebbe potuto essere, così. Perché così non era stato, fino a quel momento, e quindi non capiscivi perché gli altri ti dicevano che sarebbe stato diverso, in futuro. Anzi, pensavi che si sbagliassero, in realtà. O forse, ti auguravi che si sbagliassero, perché se si fossero sbagliati le cose sarebbero così come tu le avresti volute. O come credevi, di volerle.

Continua a leggere

Di quando è arrivata la fatina dei ciucci

Di quando è arrivata la fatina dei ciucci

E poi, eccola lì, che è arrivata di nuovo. Lei, proprio lei, la fatina dei ciucci. Oh già, è tornata un’altra volta, per prendersi un ciuccio. Ne ha bisogno uno per un bambino piccolo, dicono. Ma se ne è presa almeno quattro, o cinque. Quello rosa con la ballerina, che era il suo preferito. Quello dell’asilo, che era rosa pure lui. Quello verde con la tigre e quello blu, che non ciucciava più mica tanto bene. E pure un altro, che era finito dimenticato in un cassetto. Già, s’è presa pure quello, che non si sa mai.

Continua a leggere

Cronaca di una festa di compleanno

Cronaca di una festa di compleanno

Allora, andiamo? Dove? Ma qualcuno ha comprato il regalo? Certo che l’ho comprato! E’ la mia festa? No, è la festa della mia amica! E quando è la mia festa? E il pacchetto, lo hai fatto tu il pacchetto, vero? Ma se io non sapevo nemmeno che dovevamo andare ad una festa di compleanno! Senti, ma dove è, ‘sta festa? Aspetta che non me lo ricordo, ora cerco il biglietto. Mi sa che è meglio se cerco nella chat di classe…

Continua a leggere

E io me ne vado!

E io me ne vado!

– Bambini, la cena è pronta!
– Che cosa si mangia?
– Il pollo con le patate!
– Ma è il pollo con l’osso?
– Si, Filippo, è il pollo con l’osso.
– A me mi piace, il pollo con l’osso!
– Lo so che vi piace, per quello che ve l’ho fatto
– Io no voio il pollo con osso
– Perché non lo vuoi, Sofia?
– Perché voio il riso!
– Oggi c’è il pollo con l’osso, Sofia. Magari il riso lo facciamo domani, che dici?
– No, oggi

Continua a leggere