Chi nasce tondo…

Chi nasce tondo...

Chi nasce tondo, beh, è tondo. È un tondo. Tondo era e tondo rimarrà. Poi certo, potrà essere un tondo grande o un tondo piccolo, un tondo tondo o un tondo spigoloso, un tondo grasso o un tondo magro, ma sarà sempre tondo. Perché chi nasce tondo, quadrato non lo diventa.

Continua a leggere

Ora decido io, mamma

Ora decido io, mamma

Mamma, ho deciso che adesso decido io. Ormai sono grande, certe decisioni devo prenderle io. Hai sempre deciso tu, ora voglio decidere io. Va bene, anche io. Tu, puoi dire che cosa pensi, io poi decido se va bene. Perché non si può mica fare sempre come vuoi tu, mamma. Perché, mamma, tu mi vedi sempre piccolo. E mi vuoi mettere le cose da piccolo. E ora basta, mamma, con questi orsetti, trenini, macchinine. Io voglio mettere i vestiti da grande, Perché sono grande, io. E ora te lo faccio vedere, che cosa mi piace.

Continua a leggere

I vestiti piccolini

Le prendo, e le metto vicine. Una di fianco all’altra. Quelle del papà, quella della mamma, le mie. Grandi, medie e piccole. Così come grandi, medi e piccoli sono i nostri vestiti. I pantaloni, i maglioni, le magliette: ognuno ha i suoi. Gambe lunghe, pantaloni lunghi; pance medie, pantaloni medi; braccia corte, maniche corte.

Continua a leggere

Il pigiama con i gufetti

Io ho un pigiama, che è il mio pigiama preferito. E’ il pigiama con i gufetti. Si chiama così perché ha tanti gufetti piccoli disegnati sui pantaloni, e un gufo grande disegnato sulla maglietta. Ha una faccia strana, questo gufo, con gli occhi tondi che guardano storto e il becco che punge. E poi, la pancia tonda e i piedi piccoli, arancioni. Sta in piedi su un ramo piccolino piccolino, con qualche foglia verde.

Continua a leggere