Spannolinamento, ovvero gliel’hai tolto il pannolino

Spannolinamento, ovvero gliel'hai tolto il pannolino

Ecco, lo devo dire. Si, lo devo proprio dire. Io, non lo capisco. No, non lo capisco, perché sia così importante. Così importante per loro, per le mamme eh. Perché a noi non è che ci importi, eh. Anzi. Saremmo moto più contenti se a loro non interessasse. E invece, non fanno altro che chiederselo. Quando si incontrano, appena si incontrano, se lo chiedono. Neanche ciao, si dicono. No, neanche ciao. E’ ma tu glielo hai tolto, il pannolino, quello che si dicono.

Che poi, dico io, perché. Perché ne parlano, dico io. Della nostra pipì e della nostra cacca. Perché è di quello, proprio di quello, che parlano. Come se si stessero raccontando la cosa più interessante che si possa raccontare. Che poi, ecco, lo vorrei proprio sapere che cosa ci sia di interessante, nei nostri pannolini e nelle nostre mutande.

E fra l’altro, della loro pipì mica parlano, eh. Non è che si chiedono quante volte la fanno al giorno, o quando l’hanno fatta l’ultima volta. E nemmeno se era tanta. No, solo della nostra parlano, quelle. Ma quante volte la fa, ma dove la fa. Ma quanta ne fa, pure. Ché insomma, sarebbe bello se quello che succede nei nostri pannolini, o nelle nostre mutande, se ne rimanesse lì. Lì, dove deve stare, poi,

E invece no. Ecco che questo spannolinamento – che poi, dico, non poteva esistere una parola più brutta di spannolinamento – è diventano un argomento di conversazione. Anzi, l’argomento di conversazione. E di discussione, pure. Tu come lo faresti, come lo stai facendo, tu come lo farai. E poi, quando lo fai, perché lo fai. Oh che brava che sei stata, ma io non ci riuscirò mai, pure. Come se si parlasse di chissà quale meravigliosa missione, di chissà quale importante compito.

Oh, che noia, questo spannolinamento. E poi, diciamolo, si stava tanto bene così, con il pannolino. Senza pensieri, si stava. Eh già, si stava. Perché io ormai non ce l’ho più, il pannolino. L’ho tolto. Anzi no, ne l’hanno tolto. Lei, me l’ha tolto. E ne è molto orgogliosa, lo so. Perché è una mamma, pure lei, come tutte le altre mamme. E ci vuole pazienza, con le mamme.

 

2 pensieri su “Spannolinamento, ovvero gliel’hai tolto il pannolino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *