Dolce come una caramella

Dolce come una caramella

A me piace andare a fare la spesa al supermercato. Mettere il soldino nel carrello, tenere in mano l’elenco delle cose da comprare, girare fra gli scaffali per cercare le cose di cui hai bisogno. La frutta e la verdura, il latte e i formaggi, la carne e il pesce, i biscotti e il pane. Ed ecco che il carrello, da vuoto che era, che diventa pieno pieno come un uovo. Questa è la mia spesa, e così è anche la spesa di Peppa.

Continua a leggere

Una scatola di mattoncini colorati

Una scatola di mattoncini colorati

C’è chi dice che la vita è come una scatola di cioccolatini, perché non sai mai che cosa ti possa capitare. E se prendi uno dei cioccolatini che trovi in una scatola, scegliendo la forma che ti piace di più, non puoi sapere se ne avresti potuto trovare uno più buono. Beh, senza mangiarli tutti, certo. Ma troppo cioccolato fa male alla pancia, si sa. Tutte le mamme lo dicono ai loro bimbi, eh.

Continua a leggere

A piedi nudi d’estate

A piedi nudi d'estate

D’estate i piedi si spogliano delle scarpe che li proteggono e delle calze che li scaldano per poter conquistare la libertà di sentirsi liberi. Assaporando l’aria fresca che li accarezza, la semplicità di potersi muovere e la meraviglia di poter sentire: pavimenti freschi e lisci, viali ruvidi di ciottoli, prati di erba pizzichina, sabbia che scorre fra le dita.

Continua a leggere

#lodicelamamma: le sue piccole scarpe

#lodicelamamma: le sue piccole scarpe

È andata all’ingresso, ha fatto ciaociao con la manina al fratello e al padre che uscivano. Ha aspettato che entrassero nell’ascensore per tornare in casa. Dopo aver spinto la porta di casa chiudendosela alle spalle, con le sue gambotte ha cominciato a correre fino all’armadio del corridoio, da cui ha preso le scarpe. Una scarpa in ogni manina, si è seduta per terra, qualche metro più in là. Cercando di infilare i piedi nei suoi sandaletti.

Continua a leggere

La memoria dei bambini

La memoria dei bambini

La memoria dei bambini è fatta di piccoli ricordi che si avvicinano, si uniscono, si attaccano per creare grandi muri su cui arrampicarsi per guardare lontano. Tanti mattonicini che salgono e crescono per far nascere scale che permettono di raggiungere altezze inaspettate. La memoria dei bambini unisce pezzi e li attacca, per poi staccarli e farne cose sempre nuove. Costruisce e distrugge per poi costruire ancora. Continua a leggere