Montagne di libri

Ho dei libri, io. Grandi e piccoli. Magri e grassi. Con i buchi e senza i buchi. Con i disegni colorati da guardare e con le parole nere da leggere. Sono tutti su una mensola, vicini. Io li prendo, li guardo, giro le pagine. E poi li butto per terra. Prima uno, poi due, poi tutti.

Montagne di libri

E allora mi siedo, e li riguardo. Poi ne scelgo uno, e lo lo metto in mano alla mia mamma. Allora lei lo prende, e inizia a leggere. Legge due pagine, poi si stufa. E comincia a leggere altre due pagine del libro che le sto mettendo in mano. Qualche volta va avanti, anche se io mi sono messo a fare un altro gioco. Lei legge, e io ascolto. O sento, sento la sua voce che parla di animali, trattori, avventure.

Qualche volta torno a vedere, i disegni vicino alle parole che sta leggendo. E qualche volta mi siedo anche, e giro le pagine. Di solito, io sono velocissimo, a girare le pagine, e lei è un po’ lenta, a leggerle. E allora mi sa che le storie me le racconta un po’ a modo suo, non proprio come sono scritte. Perché io ormai lo so, come sono le storie che sono scritte sui libri. E mi accorgo quando me le dice sbagliate. Però gliele lascio dire, le storie come dice lei, che magari sono belle anche quelle, chissà.

 

2 pensieri su “Montagne di libri

Rispondi