Quando mio diventa nostro, con le etichette Stikets

Quando mio diventa nostro, con le etichette Stikets

Questo è mio, è stata la prima frase che ha imparato a dire. Mio, la prima parola; e questo è mio, la prima frase. Con questo che voleva dire tutto, perché era tutto ad essere suo. Quello che era suo, e anche quello che era mio. Soprattutto, quello che era mio. E quello che è mio, pure.

E così, mi sono trovato con quelle piccole mani che tutto toccavano, tutto muovevano, tutto spostavano. E con quella piccola bocca che di tutto diceva mio! Ho imparato a riconoscere quei  due piccoli occhi che mi osservavano come se mi volessero sfidare, nascondendo quelle mani che tutto portavano via.

– Quetto è mio!
– Non è vero che è tuo Sofi, è mio!
– No, è mio!
– Uffa, però! Ho detto che è mio, questo!
– Di tutti e due?

Quando mio diventa nostro, con le etichette Stikets

E’ così che dice ora, la mia sorella, quando vuole prendere qualcosa che è mio. E quando io le dico che no, non è vero che è suo. Perché se è mio, è mio; e non è suo. E non è nemmeno nostro, che vorrebbe dire pure un po’ suo.

Ecco si, nostro: qualcosa c’è, che è nostro, di tutti e due. Un po’ mio e un po’ suo, o un po’ nostro. Un po’ di Filippo, e un po’ di Sofia. Nostro, di noi due. Di tutti e due. Nostro che è mio più suo. E di uno che era, diventa di due. Due, così come siamo noi, due.

E allora, ce lo scriviamo che è nostro, su quello che è nostro. Così come già avevamo fatto con quello che era di uno, e con quello che era dell’altra. Con un’etichetta, che parlava di un colore e di un disegno che accompagnavano un nome, così che tutti lo potessero sapere, di chi era cosa. Se di uno, dell’altra, o di tutti e due.

Stikets nasce per rispondere a un’esigenza, quella di una mamma che cercava un modo intelligente per cercare e trovare le proprie cose. E’ questo il motivo per il quale ha deciso di fondare un’azienda che si propone di offrire soluzioni semplici ed efficaci per riconoscere tutto ciò che non vogliamo perdere.

Stikets quindi la possibilità di realizzare etichette personalizzate con i colori e i disegni che più ti piacciono per poter riconoscere vestiti, scarpe, oggetti e bagagli. O per dire di chi è cosa, e anche di chi non è, una cosa.

E per tutti quei bambini che amano correre via, ecco che Stikets ha realizzato i braccialetti identificativi in tessuto: dotati di una chiusura permanente di sicurezza che ne impedisce l’apertura, contengono le informazioni di contatto che servono per aiutare i bimbi a ritornare da mamma a papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *