L’ordine, ai tempi del Coronavirus

L'ordine, ai tempi del Coronavirus

 

 

 

 

 

 

 

– Dove state andando, bambini?
– In corridoio
– E perché andate in corridoio con tutte quelle cose?
– Perché in camera non c’è spazio
– In che senso, non c’è spazio?
– Eh mamma, non c’è spazio vuol dire che non c’è spazio!
– Grazie per la spiegazione, Filippo. Però vorrei sapere come mai in camera vostra non avete lo spazio per fare un puzzle
– Perché sul pavimento ci sono tutti gli altri giochi, mamma!
– Era proprio quello che immaginavo, Sofi!

– E allora come facciamo, mamma?
– Facciamo che facciamo ordine, che dite?
– E perché dobbiamo fare ordine?
– Perché non si riesce nemmeno ad entrare in camera vostra, visto che avete sparso tutti i giochi sul pavimento
– Metti a posto tu, mamma?
– E perché dovrei mettere a posto io, Sofia?
– Perché a noi non ci piace fare ordine, mamma!

– Facciamo che mettiamo a posto tutti insieme, occhei?
– Va bene, facciamo come all’asilo
– Eh no però, mamma!
– Come no?
– Perché all’asilo ci sono tanti bimbi, e pochi giochi. E qui invece ci sono solo due bimbi, e tantissimi giochi!
– Ma davvero? Io ho la soluzione perfetta per questo problema! Basta che regaliamo un po’ dei vostri giochi, e così ne avremo pochi anche noi

– E va bene, mamma, ti aiutiamo…
– Ma io non so i posti, mamma!
– Come, Sofia?
– Io non lo so mica, dove vanno le cose, mamma
– Ti aiuto io, Sofia, io li conosco tutti i posti
– E perché tu li sai i posti, mamma?
– Secondo te perché li so, tutti i i posti?
– Ma perché non lo fai tu, mamma, visto che sai tutti i posti?
. Ma perché non fate che andate a mettere a posto quei giochi, ora?
– E va bene, mamma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *