#lodiceilpapà: mania dell’ordine

#lodiceilpapà: mania dell'ordine

Piega il maglione. Appendi la giacca. Metti le tazze nel lavandino. Stendi il bucato. Paga le bollette. E poi, pulisci il pavimento, svuota la lavapiatti, ordina i documenti. Per ogni cosa, c’è un posto in cui riporla. Per ogni posto, c’è una cosa con cui riempirlo. Ordine, ordine, e ordine. Mania dell’ordine.

Le donne, e la loro mania dell’ordine. Ordine, e pulizia. Ordine inflessibile. Pulizia perfetta. Non ci sono, e non ci devono essere eccezioni. Perché si deve rifare il letto, ogni mattina. Perchè i piatti si devono lavare, ogni sera. Sempre, e comunque. E che noia.

Io non lo capisco, perché. Si, certo, va bene, un po’ di ordine. Se per terra ci sono biscotti sbriciolati, beh, quelli si raccolgono. Se nella lavatrice c’è il bucato lavato, beh, prima o poi lo si stende. E se si è creata una montagna di vestiti, maglioni  pantaloni sulla sedia vicino al letto, ecco, vuol dire che è arrivato il momento di fare un po’ di ordine.

Però, che si debba sempre mettere a posto tutto subito, ecco, quello non lo capisco. Cosa faranno mai di male due tazze della colazione sul tavolo? O un paio di scarpe in mezzo al corridoio? O una bolletta pagata con un paio di giorni di ritardo? Cosa, cosa cambia?

E’ questo, quello che non capisco. Che non capisco, e che non capirò mai. Perché io sono flessibile, e per me quello di ordine è un concetto relativo. Ordine flessibile: suona bene, no?

4 pensieri su “#lodiceilpapà: mania dell’ordine

  1. ribni1980 says:

    Già…é che l’ordine é rassicurante. Tu forse ti rassicuri con le tue forze. Qualcuno si rassicura sapendo che qualcun altro mette tutto al suo posto…qualcuno pensa di non farcela con le sue sole forze. Saperlo dire con parole semplici é il problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *