Lo ha detto la maestra

Lo ha detto la maestra

– Guadda mamma, le camamelle!
– E’ il compleanno di un tuo amico, oggi?
– No, mamma. E’ la festa di una mia amica!
– E come si chiama, la tua amica?
– No lo so, mamma. No gliel’ho chiesto, come si chiama
– Ma come non gliel’hai chiesto? Non ci hai mai giocato, con questa tua amica?
– Si, mamma, ma no le ho chiesto come si chiama. Facciamo che glielo chiedo domani, va bene?
– Ecco, direi che è una buona idea

– Ma io ti dicevo, mamma, che mi ha dato le camamelle! Guadda mamma, sono tantissime!
– Proviamo a contarle, per vedere quante sono?
– Otto!
– Proviamo di nuovo, perché mi sa che non sono otto
– Uno, due otto! Sono otto, mamma!
– Uno, due, e poi che cosa c’è, Filippo?
– Tre! sono tre, le mie camamelle!
– Bravo, sono proprio tre!
– E sono tutte mie, lo ha detto la maestra!
– Che cosa ha detto, la maestra? Che sono tutte tue?
– Che non sono dei fratelli e delle sorelle, ma sono tutte mie!
– E allora non ne vuoi dare neanche una a Sofia?
– La maestra ha detto che sono mie, e io faccio quello che dice la maestra

– Va bene, ho capito. Allora facciamo che me le dai, le metto nella borsa, e ne mangi una stasera, va bene?
– No, no va bene, mamma!
– Come, scusa?
– Ho detto che no va bene, mamma. La maestra ha detto che bisogna mangiarle per merenda, le camamelle. Pecché sono una merenda, le camamelle
– Non sono tanto sicura che abbia proprio detto questo la maestra, sai?
– Io l’ho sentito, mamma, lo ha detto!
– Che devi mangiarti tre caramelle per merenda, questo ha detto, la maestra?
– Si, proprio così, mamma. Ha detto che le devo mangiare per merenda. Tutte.
– E tu sei sicuro che ha detto così, vero?
– Si, mamma
– E allora cosa dici se torniamo indietro e glielo chiediamo, alla maestra, se ha proprio detto così?
– No sc’è la maestra. E’ andata a casa.
– Ah, ecco. E’ andata a casa, la maestra?
– Eh si, mamma. Mannaggia, mamma, no glielo possiamo chiedere
– Eh già, Filippo. Proprio mannaggia.

2 pensieri su “Lo ha detto la maestra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *