Una letterina per Babbo Natale

La letterina per Babbo Natale

Caro Babbo Natale,

mi chiamo Filippo, ho due anni e sono un bambino buono. Sono buono buono, quasi buonissimo, direi. Sono buono, e faccio il buono. Sempre sempre sempre. Sono sempre bravo, mi comporto bene, obbedisco. E sono così buono che penso proprio di meritarmi qualcosa. Un regalo, magari. Magari un regalo di Natale.

Per questo, caro il mio Babbo Natale, ho pensato di scriverti una bella letterina, per raccontarti che cosa mi piacerebbe che tu mi portassi, a Natale, come regalo. Ho pensato che se te lo dico, cosa voglio, è meglio, così tu non ti sbagli. Non pensi che rimarresti proprio male, se ti accorgessi di avermi portato un regalo che non mi piace? Eh si, ci rimarresti male, lo so. Ed è per questo che te lo dico io, cosa mi piace.

Allora, Babbo Natale, io prima volevo Orso, quello di Masha, e la mia sorella sorella Sofia voleva Masha, quella di Orso. Poi ho pensato che no, Masha la volevo io. Allora ho deciso che la mia sorella vuole Minnie. Si, ho deciso io che cosa vuole la mia sorella: lei è piccola, come fa a saperlo, che cosa vuole? Io invece sono grande, e lo so, che cosa piace ai bimbi piccoli.

Poi mi sono accorto che voglio anche il camion dei pompieri, e pure l’ambulanza, ché non ce li ho mica, nella mia scatola delle macchinine. E come faccio a giocare, se ho solo le ruspe, i camion, i trattori? Come faccio, senza il camion dei pompieri e l’ambulanza? Come faccio, se c’è un incendio nella mia fattoria? O se il contadino si sveglia con il mal di pancia, chi lo cura?

E’ per questo che ti ho scritto questa letterina, Babbo Natale. Perché lo so che lo sai anche tu, che mi servono proprio, questi giochi. Vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *