La Fatina dei ciucci, secondo me

La Fatina dei ciucci, secondo me

– Ma come si chiama, mamma?
– Come si chiama chi, Filippo?
– La Fatina dei ciucci!
– Fatina dei ciucci, Filippo
– Ma no, mamma, di nome, come si chiama?
– Come si chiama la Fatina dei ciucci, vuoi sapere? Vediamo, direi che si chiama Giuseppina
– E pecché Giuseppina?
– Perché è il suo nome, Filippo
– Ma io no mi piasce che si chiama Giuseppina, mamma
– E allora come la chiamiamo, Filippo?
– Fatina, mamma
– Allora la chiamiamo Fatina, Filippo

– E come è, la fatina Giuseppina?
– Allora, hai i capelli biondi, gli occhi azzurri, un cappello a punta sulla testa e un vestito lungo lungo fino ai piedi, azzurro come gli occhi
– Ma quetta è la Fata Azzurra, mamma!
– La Fata Turchina, dici? Beh, ci assomiglia, Filippo. Sempre fata è, no?
– E dove abita?
– In un paese lontano lontano
– Ma il papà mi ha detto che abita qui vicino, mamma!
– Ah ti ha detto così, il papà? Allora mi sarò sbagliata, sai Filippo? Forse mi sono confusa con la Fata Turchina.

– E come è arrivata a casa mia?
– Il papà cosa ti ha detto?
– Con la macchina, ha detto
– Ecco, allora è arrivata con la macchina. Ed è entrata dal camino, vero?
– Ma non è mica Babbo Natale, mamma! Ha citofonato, e papà ha aperto la porta! E’ amico della Fatina, il papà!
– Ah è amico della Fatina, il papà? Se lo sapevo la facevo un po’ più brutta
– Cosa hai detto, mamma?
– Niente, Filippo, niente

– Ma io glielo posso chiedere un altro gioco, alla Fatina?
– Ma ti ha già portato le rotaie e il ponte per il tuo trenino, Filippo! Mi sembra che sia stata generosa, no?
– Eh si, però io ho visto che sc’è pure la stazione per il mio trenino. E a me mi piasce molto, la stazione
– Beh, la possiamo chiedere a Babbo Natale, la stazione, che dici, Filippo?
– Eh no, mamma, pecché io a Babbo Natale devo chiedere un altro gioco!
– E che gioco gli devi chiedere, a Babbo Natale, Filippo?
– Io ho visto sul telefono del papà che sc’é pure una galleria dove i treni vanno dentro e poi esciono, e a me mi piasce!
– Beh, mi sa che dovrai scegliere cosa chiedere a Babbo Natale, Filippo. Oppure puoi chiedergli tutte e due le cose, e poi sceglierà lui.
– E se le diamo il ciuccio di Sofi alla Fatina, me la porta la stazione, mamma?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *