Come curare le tue piccole grandi ferite

Get the party started: festeggia con le persone a cui vuoi bene, ti basta appoggiare il tuo teleofono e connetterti! #iorestoacasa– Che succede, Sofia?
– …
– Sofi, cosa succede? Perché piangi?
– …
– Ti è successo qualcosa?
– …
– Ti sei fatta male da qualche parte?
– …
– Ah, alla manina? Ti sei fatta mano alla manina? Fammi vedere la tua manina
– …
– Mi sembra che stia bene la…
– C’è il sangue…
– Il sangue? Dove, c’è il sangue?
– Sulla manina!
– Si, questo lo immaginavo. Sulla manina dove, però?
– Qui!
– Oh, ma questo è sangue? Non mi ero accorta, che quello fosse sangue! Ora la curiamo subito la tua manina, va bene?

Due grandi occhi spaventati, una manina fra le mani, e una piccola, piccolissima goccia di sangue. Una gocciolina di sangue grande come una capocchia di spillo. Una piccola, enorme ferita che aveva bisogno di una cura speciale. E di un cerotto. O due, O magari anche tre. Se poi fossero quattro, ancora meglio.

– Mettiamo il cerotto, mamma?
– Certo, Sofi, mettiamo un cerotto. Magari la laviamo anche, la tua manina?
– Eh no, mamma. Non si può mica lavarla. C’è la ferita!
– Io credo che si possa lavare lo stesso, sai Sofi?
– Io so di no, mamma. E adesso serve il cerotto, mamma!
– Va bene, allora andiamo a prendere il cerotto perfetto per la tua mano, occhei?
– Due
– Due cosa, Sofia?
– Due cerotti, mamma!
– Ma hai una ferita sola, Sofia! Che te ne fai di due cerotti?
– Mi servono, mamma!

E chissà dove li avremo mai messi, quei cerotti. Ché nell’armadietto del bagno non ci sono, e nelle scatola delle medicine ce n’è solo una scatola, vuota. E ora chi la sente, quella, se non si trova un cerotto, o anche due, per la sua piccola, grande ferita?

– Stai cercando i cerotti, mamma?
– Eh si, Filippo. Sto cercando i cerotti. Tu per caso lo sai, dove sono?
– Si, mamma. Lo so
– E pensi anche di dirmelo, Filippo?
– Sono nella nostra camera, nel cassetto. Quello dove ci vanno i cerotti
– Quello dove ci vanno i cerotti da quando lo hai deciso tu, Filippo
– No mamma. Ce li ha messi papà, mamma

– Ecco i cerotti, Sofi. Quale vuoi per la tua ferita?
– Quello di Frozen
– Ma non ce l’abbiamo mica il cerotto di Frozen, Sofi. Non ce lo abbiamo mai avuto!
– Ma la mia amica Ludo ce l’ha, il cerotto di Frozen. E pure quello dei Minions
– E lo sai, mamma, che Tommi ha il cerotto dei Paw Patrol? C’è quello con Chase e pure quello con Marshall! Sono troppo belli i cerotti dei Paw Patrol, mamma!
– Sono sicura che siano bellissimi, i cerotti di Frozen, dei Minions e dei Paw Patrol. Noi però abbiamo solo i cerotti normali
– E quali sono i cerotti normali, mamma?
– Sono quelli color dito, Sofi
– Ma io volevo quelli di Frozen!

– Senti Sofi, scegliamo insieme quale vuoi, fra i cerotti color dito che abbiamo? Quello tondo, quello lungo e stretto, o quello lungo e cicciotto?
– Bello quello tondo, Sofi!
– A me non mi piace, quello. Io voglio quello cicciotto
– Va bene, eccolo qua il tuo cerotto cicciotto, Sofi. Mi dai la tua manina, così ce lo mettiamo?
– Ecco
– Ma qui non c’è la ferita, Sofi! Ti sei fatta male all’altra mano, non a questa!
– E va bene, non lo voglio più, il cerotto. Perché io volevo quello di Frozen. Ora vado a giocare, mamma

Se per caso anche a voi servissero dei cerotti, di quelli color dito, o magari aveste bisogno anche di un disinfettante, di quelli che non bruciano chiaramente, oppure ancora di una medicina per le ferite, li potete trovare sul sito di una farmacia online, insieme a molti altri prodotti per bambino. Di certo, ci saranno anche gli sciroppi per la febbre, o quelli per il mal di pancia. Così, in questi giorni, ve ne potete restare tranquillamente a casa, e ai vostri cerotti – o a tutto quello che di altro vi può servire, ci pensano loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *