Cronache della buona notte

Cronache della buona notte

– Mamma?
– Dimmi, Filippo
– A me no mi piasce, quetta storia. E’ proprio brutta brutta, mamma
– Ma che dici, che la leggiamo sempre, Filippo! E poi, te ne sei accorto ora che è finita, che non ti piaceva?
– Ne leggiamo un’altra, mamma? Piccola piccola, mamma? Io ho tanta voglia di leggere un’altra storia, mamma…

– Io ho sete, mamma. Posso bere?
– Ti porto un bicchiere di acqua, Filippo. Mi aspetti qui?
– No voio venire anche io, mamma
– Va bene, vieni anche tu
– Ma io no la voio fredda, l’acqua
– Non te le do fredda, non ti preoccupare
– Me la metti nel forno, mamma, così è un pochino tiepidina, mamma?
– L’acqua, nel forno?
– Il papà la mette sempre, l’acqua nel forno, mamma, sai?
– Lo immagino, Filippo

– Mi cappa la cacca, mamma! Mi cappa tantissimo mamma, no posso resistere!
– Andiamo in bagno, vieni, Filippo
– Sai che me ne cappa tantissima, mamma? Me ne cappa così tanta che forse faccio esplodere il vatern, sai, mamma? E poi che cosa succede se esplode il vatern, mamma?
– Speriamo che la tua cacca non sia così tantissima da far esplodere il water, FIlippo
– E se è, mamma?
– Facciamo che se è ci pensiamo, che dici?
– Va bene, mamma, ci pensiamo
– Ottimo, Filippo

– Io no sento cosa mi dici, mamma. Puoi alzare un po’ il lulume, mamma?
– Come fai a non sentire, Filippo?
– Eh io no sento, mamma! Lo sai che con il buio io no sento tanto bene, mamma?
– Con il buio, dici? Non senti tanto bene con il buio, Filippo? E da quando, succede?
– Succede adesso, mamma
– Ah, ecco

– Ma tu hai le caccole, mamma?
– Che cosa, Filippo?
– Ho detto se tu hai le caccole, mamma. Perché io ce le ho, e pure i miei amici ce le hanno, mamma. E anche le mie amiche, sai? E allora io volevo sapere se anche tu che sei femmina ce le hai, le caccole, mamma. Perché io lo so che i maschi ce le hanno, però non lo so se tu che sei femmina ce le hai, mamma. Ce le hai, mamma?
– Penso che sia proprio arrivata l’ora di dormire, Filippo. Delle caccole parliamo domani, va bene?
– Va bene, mamma. Però ricordati eh, che dobbiamo parlare delle caccole!
– Non me lo dimentico, Filippo. Non credo potrei dimenticarmi di parlare delle caccole, Filippo. E ora, buona notte, Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *