Cosa mi è piaciuto, questa settimana

Ieri sono andato in un posto bellissimo. Sono andato a fare una passeggiata con la mia mamma e il mio papà dove ci sono quei due fiumi in mezzo ai palazzi, la gente che passeggia e i tavolini in mezzo alla strada. C’erano anche le persone che vendevano le cose, ieri: vestiti colorati, musica e quelle cose che le femmine si mettono al collo e alle orecchie e che fanno rumore quando si muovono.

Mercato metropolitano

E poi siamo finiti in quel posto che mi è piaciuto tanto, pieno di fiori rossi e rosa nelle cassette colorate, di grandi tavoli di legno, di sedie allegre. Di bambini, nei passeggini e con le biciclette, addormentati o sorridenti, curiosi o distratti. Di mamme e di papà che spingevano passeggini o correvano dietro alle biciclette, discutendo su cosa scegliere: il pollo con le patate o la pizza, la frutta a pezzetti o la fetta di torta. Di odori: del pane morbido e della torta ancora calda, della pizza con le verdure e del formaggio puzzolente, del pollo con il fumo o del pesce che non si deve cucinare. Di signorine che dicevano i numeri, e di persone che tornavano indietro con le cose da mangiare: il signor cinquantaquattro con un piatto di pasta, la signora trentotto con due bottiglie di acqua solo, poverina. Di colori: dei fiori e delle sedie colorate, dei grissini e delle lasagne, del legno sul soffitto, delle persone che passeggiavano.

Un posto pieno di cose belle: dei sorrisi delle persone e delle voci dei bambini, del profumo della carne che si cucina e delle risate degli amici, del bello di mangiare insieme. Di un sabato d’estate che ti sembra di essere già in vacanza.

Lo sapete come si chiama questo posto? Si chiama Mercato Metropolitano. Se lo volete cercare, lo trovate qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *