Correre, correre, correre

Correre, correre, correre

Corrono, i grandi. Corrono veloci, da una parte all’altra. Corrono sempre, da qui a lì. Corrono, e non vedono. Corrono, e non guardano. Corrono, e non osservano. Corrono, corrono, corrono. Corrono, e non si accorgono.

Non si accorgono di tutte le cose che ci sono. Di tutte le cose che compaiono. Di tutte le cose che succedono. Che è caduta una foglia, marroncina, grande. Che c’è un sasso tondo tondo, sul marciapiede. Che nel negozio ci sono due signori che parlano, e un gatto ciccione che fa la nanna. Che sta arrivando un cane grigino, e che forse gli scappa un po’ la pipì.

Che su quel balcone una signora mi sta guardando, e io le faccio ciao ciao con la mano. Che c’è la luce accesa, dietro quella finestra. Che dal bar esce un profumino buono di dolcetti, e che sarebbe tanto bello andare a vedere se ce n’è un pezzetto anche per me. Che sta arrivando il camion della spazzatura, che di tutti i camion è il mio preferito.

Che c’è un signore che vuole parcheggiare la sua macchina in un posto piccolo piccolo, e bisogna controllare se ci riesce. Che sta arrivando una bicicletta, con davanti un cestino pieno di fiori. Che una mamma sta spingendo un passeggino con dentro una bimba con un cappellino rosa con il pon pon, e che il mio è molto più bello, di cappellino. Che ci sono due signori che si dicono cose strane, che io proprio non riesco a capire.

Corrono, i grandi, e non si accorgono. Non si accorgono di quante cose succedono, mentre loro corrono.

2 pensieri su “Correre, correre, correre

  1. Gabriella says:

    Già, corrono… corriamo dietro al tempo, alle cose, alle persone. Una corsa a perdifiato! Chissà che possiamo tornare ad apprezzare la bellezza della lentezza, a guardare per vedere, a udire per ascoltare, a riflettere per capire. Grazie di avercelo ricordato in questa maniera così tenera :-*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *