#lodicelamamma: l’empatia dei bambini

#lodicelamamma: l'empatia dei bambini

Guardarsi negli occhi, osservare la luce in uno sguardo, l’espressione in un volto, la piega in una bocca. Scoprire che cosa si nasconde dietro un’ombra che offusca la limpidezza di un paio di occhi, scrutare un viso per cercare di comprendere che cosa i suoi elementi vogliano raccontare. Sembra difficile. E forse, lo è davvero. Non per tutti, però. Perché ci sono anche quelli per cui basta posare i propri occhi dentro altri due occhi, e capire.

Continua a leggere

#lodicelamamma: quando i figli crescono, e tu non te ne accorgi

#lodicelamamma: quando i figli crescono, e tu non te ne accorgi

E poi, eccoli lì. Anzi, qui. Qui, ed ora. Loro, già, proprio loro. Loro, che fino al giorno prima ti erano sembrati piccoli, che il giorno dopo te li ritrovi grandi. Incredibilmente, inspiegabilmente grandi. Grandi come non avresti mai pensato potessero diventare, in quel niente che è passato da quando li hai lasciati piccoli. Ieri piccoli, oggi grandi. Cresciuti. Cambiati. Loro, mentre tu sei ancora lì, come quando erano piccoli. Ma ora, piccoli non lo sono più. E tu sei rimasta indietro.

Continua a leggere

#lodicelamamma: che sia un anno pieno di leggerezza

#lodicelamamma: che sia un anno pieno di leggerezza

Che sia pieno di leggerezza, questo anno che è appena iniziato. Perché se mi chiedi che cosa vorrei, per questi giorni che stanno arrivando, quello a cui penso è proprio questo: leggerezza. La capacità di vivere con lo sguardo verso il cielo e gli occhi pieni di bellezza, con il calore del sole sulla pelle e l’aria fresca sulla faccia. Agitando le mani e saltellando su un piede solo.

Continua a leggere

#lodicelamamma: capricci

#lodicelamamma: capricci

Le lacrime rotolano giù dalle guance, la bocca ripete sempre no, i pugni si agitano in aria, i piedi sbattono per terra. E le orecchie non vogliono ascoltare. La voce si rompe dicendo mille volte le parole che raccontano quel suo piccolo grande disagio, le mani allontano chiunque provi ad avvicinarsi, le gambe cercano di correre via. E le orecchie non vogliono ascoltare.

Continua a leggere