#lodiceilpapà: come sei diventata grande, piccolina

#lodiceilpapà: come sei diventata grande, piccolina

Come sei diventata grande, piccolina. Me ne rendo conto ogni volta che ti vedo, ogni volta che ti guardo, ogni volta che ti ascolto. Ti osservo mentre dormi, con quella testa piena di ricci, gli occhi chiusi e il respiro affrettato. Ti scruto mentre mangi, con la tua forchetta blu stretta fra le mani mentre cerchi di infilzare tutto quello che ti riempie il piatto. Ti spio mentre impili i mattoncini, arrabbiandoti quando quelle tue torri sbilenche crollano sul pavimento.

Continua a leggere

#lodiceilpapà: la gita dell’asilo

#lodiceilpapà: la gita dell'asilo

Quando sono arrivato, erano tutti lì, nel giardino dell’asilo. Saltellando di qua e di là, agitando piccole mani che non riuscivano a stare ferme. Con gli occhi emozionati e grossi sorrisi che illuminavano le loro piccole facciotte.
Andiamobimbi! e sono corsi, incontenibili, verso quel pullman che li avrebbe portati alla fattoria. Già, perché quei bambini andavano in gita, andavano alla gita dell’asilo.

Continua a leggere

#lodiceilpapà: c’era una volta l’estate

#lodiceilpapà: c'era una volta l'estate

C’era una volta l’estate che cominciava con la campanella dell’ultimo giorno di scuola, che faceva cominciare quei tre mesi di vacanza che ancora non sapevi avresti ricordato con nostalgia per tutta la vita. L’ estate di giornate che cominciavano quando il sole entrava dalla finestra aperta, si faceva colazione con l’odore del pranzo che era già sul fuoco e si organizzavano lunghi pomeriggi di giochi con gli amici.

Continua a leggere

#lodiceilpapà: le chiamavano vacanze

#lodiceilpapà: le chiamavano vacanze

Eccoti, con davanti lunghi, meravigliosi giorni di vacanza. Tre intere giornate di sole da riempire, tre mattine da rendere ricche di giochi e avventure, tre pomeriggi di giri in bicicletta e corse nei parchi, tre sere di libri della buona notte. Tre, interi, giorni. Tre interi giorni, prima di tornare a lavorare, lunedì.

Continua a leggere

#lodiceilpapà: come passano gli anni

#lodiceilpapà: come passano gli anni

Passano gli anni, arrivano compleanni che fai fatica a ricordare quanti siano. Ti chiedi se sia giusto, il numero che hai appena detto a chi ti chiede quanti anni compi. Trentaquattro? Si trentaquattro, confermi dopo aver contato quanti anni siano passati dal millenovecentoottantatre. Perché tu sei nato nel millenovecentoottanta e qualcosa. Tu, che hai figli che sono nati nel duemiladieci e qualcosa.

Continua a leggere