Come fare i biscotti di Natale, secondo me

Come fare i biscotti di Natale, secondo me

Farina, un po’. Zucchero, abbastanza. Burro, quello che serve. Uova, qualcuna. Burro, quello che basta. Ecco che cosa serve, per me, per fare i biscotti di Natale. Si prendono questi ingredienti, e tutti gli altri che possono servire per farli ancora più buoni, e li si mischia per benino. In una ciotola grande, si gira, si gira, si gira. Poi si guarda, si osserva, si controlla. E si assaggia.

Continua a leggere

Lo ha detto la maestra

Lo ha detto la maestra

– Guadda mamma, le camamelle!
– E’ il compleanno di un tuo amico, oggi?
– No, mamma. E’ la festa di una mia amica!
– E come si chiama, la tua amica?
– No lo so, mamma. No gliel’ho chiesto, come si chiama
– Ma come non gliel’hai chiesto? Non ci hai mai giocato, con questa tua amica?
– Si, mamma, ma no le ho chiesto come si chiama. Facciamo che glielo chiedo domani, va bene?
– Ecco, direi che è una buona idea

Continua a leggere

Il maestro del puzzle

Il maestro del puzzle

– Ehi, mamma, guadda!
– Dimmi Filippo
– Io sto facendo il palos, mamma. Il palos delle mucche, mamma, che è difficilittimo!
– Che bravo, che stai facendo il puzzle delle mucche!
– Eh si, mamma. E poi io lo sto spiegando alle amiche di Sofi, che loro non lo sanno mica fare, il palos delle mucche. Solo i bimbi grandi lo sanno fare, quelli che vanno alla scuola materna, come io! Pecché io sono il matestro del palos, io!
Continua a leggere

Cronaca di un bagnetto qualunque

Cronaca di un bagnetto qualunque

– E’ ora di fare il bagnetto, bimbi!
– No posso fare il bagnetto adesso, mamma!
– Come non puoi? Che cosa vorrebbe dire, che non puoi?
– Io ho giocato pochissimo, mamma. Guadda, devo finire il mio lavaggio treno, mamma. E poi, poi devo lavorare
– Che cosa è che devi fare?
– Lavorare, mamma. Come il papà. Adesso no mi posso proprio lavare, mamma
– Ah, devi lavorare, come il papà. Ho capito. Senti, facciamo che adesso fai una pausa dal lavoro, e ti lavi, occhei?
– Ma il papà no si lava, mamma! E io devo fare come il papà!
Continua a leggere

Non si dicono le bugie!

Non si dicono le bugie!

– Dove vai, mamma?
– A prendere la macchina. Siamo venuti in macchina alla scuola materna, ti ricordi?
– E pecché vai di lì?
– Perché la macchina è parcheggiata lì, la vedi?
– E pecché è lì?
– Come perché è lì, Filippo? Perché c’era posto lì e l’ho parcheggiata lì
– Ma prima non era lì
– Prima quando?
– Quando mi hai portato, mamma, non abbiamo parcheggiato lì. Abbiamo parcheggiato là, mamma. Vedi, là? Dove sc’è la macchina blu, adesso, c’era la tua macchina, prima. Non avevi parcheggiato lì, tu, prima. Dove sei andata, mamma?

Continua a leggere

Andiamo al parco giochi, mamma?

Andiamo al parco giochi, mamma?

– Andiamo al parco giochi, mamma?
– Dove vuoi andare, Filippo?
– Al parco giochi! Andiamo, papà, andiamo?
– Ehhh, va bene, andiamo
– Andiamo al parco giochi, Sofia?
– No
– Ma Fofi dice sempre no, mamma. Poi a lei ti piasce lo scivolo, mamma. Andiamo?
– Ma vuoi andare a quel parco giochi che vi dobbiamo rincorrere e ci dobbiamo arrampicare?
– È bellissimo, mamma!
– Va bene, Filippo, andiamo!

Continua a leggere