Come fare i biscotti di Natale, secondo me

Come fare i biscotti di Natale, secondo me

Farina, un po’. Zucchero, abbastanza. Burro, quello che serve. Uova, qualcuna. Burro, quello che basta. Ecco che cosa serve, per me, per fare i biscotti di Natale. Si prendono questi ingredienti, e tutti gli altri che possono servire per farli ancora più buoni, e li si mischia per benino. In una ciotola grande, si gira, si gira, si gira. Poi si guarda, si osserva, si controlla. E si assaggia.

Un pochino, si assaggia. Con un dito, o magari due. Ci si guarda intorno, da ogni parte, e poi si infila il dito nell’impasto. Che è quello che, poi, diventerà un biscotto. Si puccia il dito, e si assaggia. Una volta, magari due. Un dito, o forse anche due. O tre.

Così si controlla, che tutto sia buono. Che non ci sia troppo zucchero, o poco burro. E’ per quello, che si assaggia. Mica per mangiare, eh. Per mangiare bisogna aspettare. Che l’impasto diventi biscotto. E per fare quello, bisogna usare il matterello.

Già, con il matterello si fa diventare schiacciato ciò che prima era tondo; grande quello che prima è piccolo. Biscotto quello che all’inizio è solo impasto. Si schiaccia, si appiattisce, si spiaccica. Fino a quando sotto il matterello resta solo il tavolo. E allora questo vuol dire che si è schiacciato troppo. E che l’impasto non sarà mai biscotti di Natale.

Quindi, forse, è meglio provare con le mani. Dita, mani, polsi: e pure un po’ di braccia, magari. Ed ecco che tutto è pronto per usare quelle belle formine a forma di biscotti di Natale. Albero di Natale, stella di Natale, regalo di Natale, Babbo Natale. Qualsiasi cosa che sia di Natale.

Infili la formina nell’impasto, e ce la schiacci dentro. E quello che sta per nascere, lì, sotto le tue mani, sono i tuoi biscotti di Natale. Ti basta solo togliere tutto quell’impasto che nasconde le tue formine, magari mangiandone un pochino. Con un dito, o con due. Una volta, o magari pure due.

E mentre metti i tuoi biscotti di Natale nel forno, ecco che devi pulire per benino tutto. La tua ciotola grande, per cominciare. Ti basta un dito, o forse due. O anche un cucchiaio, magari.

2 pensieri su “Come fare i biscotti di Natale, secondo me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *