Di quando è arrivata la fatina dei ciucci

Di quando è arrivata la fatina dei ciucci

E poi, eccola lì, che è arrivata di nuovo. Lei, proprio lei, la fatina dei ciucci. Oh già, è tornata un’altra volta, per prendersi un ciuccio. Ne ha bisogno uno per un bambino piccolo, dicono. Ma se ne è presa almeno quattro, o cinque. Quello rosa con la ballerina, che era il suo preferito. Quello dell’asilo, che era rosa pure lui. Quello verde con la tigre e quello blu, che non ciucciava più mica tanto bene. E pure un altro, che era finito dimenticato in un cassetto. Già, s’è presa pure quello, che non si sa mai.

A dire il vero, non è che se l’è subito preso, eh. No, non è andata così. Prima lo avevamo perso. O almeno, avevamo perso quello con la ballerina. E quello dell’asilo, era all’asilo. Mentre quello verde non era rosa, e quello blu non ciucciava. E di quello che era finito in fondo ad un cassetto, beh, di quello non ne sapeva niente nessuno.

E così, quando è arrivato il momento di andare a letto, il ciuccio rosa con la ballerina non si trovava. Non era sul letto, e nemmeno sotto il letto. Non era sul divano, e neanche sulla poltrona. Non era in cucina, e neppure in bagno. E così, mia sorella non ha potuto fare altro che andare a letto senza ciuccio. O meglio, ci si è dovuta convincere. Perché quel ciuccio proprio non si trovava.

O almeno, non eravamo riusciti a trovarlo. Fino a quando non lo ha trovato lei, la mattina dopo. Fra i suoi biscotti preferiti. Tanti biscotti, e quel buonissimo ciuccio rosa con la ballerina.
– Ehi mamma, guarda! Ho trovato il mio ciuccio
– E dove stava il tuo ciuccio, Sofia?
– Qui, con i miei biscotti
– Come con i biscotti. E ora l’hai trovato, mannaggia!
– Si mamma, eccolo!
– Ah lo avevo messo io lì, per fare uno scherzo. Ma poi mi sono dimenticato, che lo avevo messo lì
– Ma come ti sei dimenticato, Filippo? Hai nascosto il ciuccio di tua sorella, e poi ti sei dimenticato di dircelo?
– Ma io non l’ho nascosto, ho fatto uno scherzo

E comunque, poi lo scherzo vero lo ha fatto lei, la fatina dei ciucci. Che si è accorta che a Sofia non è che le importasse poi molto del suo ciuccio, e ha deciso di portarselo via. Insieme a tutti gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *